Anticipazioni, concerti a Cagliari

Anticipazioni. Sto lavorando alla seconda puntata di On Repeat. Dato che non ci sarà l’intervista la trasmissione sarà tutta basata sulle canzoni. Novità, naturalmente. Ascolteremo un altro estratto dall’album dei Giardini di Mirò, ospiti telefonici della prima puntata, un altro estratto dal disco dei Grinderman dopo aver ascoltato il singolo, No Pussy Blues, sicuramente i The Good The Bad & The Queen di cui avrei voluto parlare nel debutto. Poi molte altre cose che rivelerò solo venerdì, o sabato stesso. Ma saranno degli ascolti intriganti assai. Di sicuro due cose di una label che ci piace, la Secretly Canadian

Concerti. Venerdì c’è un’insolita abbondanza qui nella città bianca. Và a sapere perché ci sono due concerti di un certo peso alla stessa ora, in due locali diversi. Non per stare a lamentarmi, eh. Però vorrei capire una cosa. Cagliari non è una città brulicante di concerti. Parlo di concerti di un certo rilievo, parlo di band come Casino Royale (di cui già sapete) o di personaggi come Bugo (leggete domani) che appunto sono in concerto entrambi il nove. Ci sono 365 giorni in un anno, eccezione fatta per l’anno bisestile, che ne ha 356. è possibile che due concerti così interessanti dovessero per forza essere fissati lo stesso giorno? Cioè, Cagliari non è Londra, Cagliari non è nemmeno Milano. Cagliari è una città dove c’è fame di concerti. Due concerti del genere lo stesso giorno è un po’ insolito. Gli appassionati di rock in Sardegna saranno costretti a scegliere tra due concerti che probabilmente avrebbero visto entrambi volentieri. Non perché il corpo degli appassionati sia unitario, ma proprio perché non c’è molta scelta: e anche se Bugo o i Casino non ti piacciono, magari vai lo stesso (e cambi idea). Anche io dovrò scegliere (e pure ho intervistato e apprezzo entrambi). Chi andrò a sentire? Beh… Sarà una scelta dolorosa, ma alla fine opterò per i Casino Royale. Anche se sto qui a dolermi e ad ascoltare ripetutamente (sarà la diciottesima volta) Gelato Giallo – “niente ci può scalfire, tranne quello che ci circonda”…

Certo, la concorrenza non sarebbe male se ci fosse davvero un mercato. Cioè, se davvero ogni settimana si potesse scegliere tra diversi concerti davvero pesanti, di artisti italiani e internazionali che contano, e non solo di quelli che parlano a nicchie identitarie più o meno chiuse. Sarebbe certo una spinta all’innovazione, alla ricerca, alla diversificazione. Ma dato che non è così la circostanza ha il sapore un po’ amaro della beffa.

18 Risposte to “Anticipazioni, concerti a Cagliari”

  1. tostoini Says:

    infatti io per non dover scegliere me ne salgo al nord, per vedere benvegnù aggratis domenica a san teodoro. (comunque sentiti complimenti a chi l’ha pensata, questa sovrapposizione..)

  2. onrepeat Says:

    ci sono diverse scuole di pensiero: ingenuità, mancato coordinamento, solita “cagliaritanità”… io non so: conosco il pensiero di una sola delle parti e quindi non mi esprimo – fermo restando il modesto sconcerto… (comunque mi sembra un po’ macchinoso andarsene a vedere benvegnù solo per non scegliere…😉 ma è la fiction musicale?)

  3. Davide Says:

    questo post potrebbe tranquillamente essere titolato “parole sante”.
    sovrapposizioni di questo genere in una città come Cagliari sono paradossali.
    io comunque per bilanciare un pò me ne vò a sentire il Bugo…
    (tra l’altro spero che uno dei due pezzi targati secretly canadian sia il caro Jens Lekman.)

  4. onrepeat Says:

    niente jens lekman (per ora) perché trasmettiamo solo novità: dischi nuovi o nuovissimi – comunque non più vecchi di qualche mese… no, quelli della secretly canadian sono altri: Julie Dorion e Besnard Lakes.
    Da Bugo andrei anche io – sono pure curioso di sentire i sassaresi Primochef del cosmo, di cui conosco solo l’ep pubblicato da Desvelos – ma i Casino non li ho mai visti dal vivo nel periodo di massimo splendore, quindi vorrei recuperare adesso…

  5. tostoini Says:

    (comunque mi sembra un po’ macchinoso andarsene a vedere benvegnù solo per non scegliere…😉 ma è la fiction musicale?)
    no la verità é che sarei andata comunque…per quel che mi riguarda benvegnù sta una spanna sopra qualsivoglia bugo o casino royale🙂
    però non é la fiction, é un solo set voce e chitarra.

  6. sistersuzie Says:

    …quando nulla, quando troppo. Ben stà a Cagliari!
    …la menata dei complimenti è sgradevole…se proprio vogliamo dirla tutta quando ormai il concerto di Bugo era stato fissato non si sapeva nulla dei Casino…forse che si voleva fare una bella sorpresa? Sapendolo, uno avrebbe organizzato lo stesso giorno? mi viene difficile pensare che qualcuno possa realmente credere una cosa del genere…forse è stata solo una triste coincidenza…Cmq io ho una soluzione da proporre…cash permettendo: Bugo inizio serata (che i Cagliaritani muovessero il culo per uscire di casa diocan!) e poi Transilvania…i suoi tempi si conoscono…

  7. onrepeat Says:

    @ Tostoini: beh, non so se Benvegnù stia sopra una spanna di Bugo o Casino Royale… Massima stima però, eh! Piace anche a me…
    @ Sistersuzie: io conoscevo un paio di punti di vista. Cioé, colpa di Zero, no, colpa del Transilvania. Dato che non sono in grado di ricostruire la cronologia dei fatti non mi esprimo a favore di nessuno. Mi limito a constatare che un comportamento del genere (se deliberato, consapevole, volontario) mi sembra che possa portare solo svantaggi. Verso l’appassionato che vorrebbe più concerti, in giorni diversi. Verso gli stessi locali, che non so quanto possano permettersi di sputtanarsi due artisti del genere solo per dare fastidio all’altro… Mi piacerebbe pensare ad una triste coincidenza… Comunque la tua idea sarebbe ottima, se solo non iniziassero praticamente alla stessa ora! (e no, i cagliaritani il culo non lo muovono…)

  8. Fulano Says:

    diciamo che si tratta di una doppia gaffe: il concerto di bugo è stato fissato (assieme al minitour) non più di un mese fa, e fa parte di una rassegna di tre serate (miss violetta beauregarde prima e hereIstay+grimoon dopo). per quanto riguarda il transilvania, reputo che la mancata notifica sia addebitabile alla disorganizzazione generale del posto, che ha una gestione tra l’incompetenza e la sopravvivenza. se poi parliamo dell’acustica orribile (questo aggettivo è in linea con il luogo) dopo gli offlaga disco pax (penalizzati dalle eco catafalchiche) mi son proprio detto: mai più mettere piede il quel luogo… e poi se frequentate qualche blog, parrebbe chiaro che i casino abbiano arraffato qualche data last minute dopo averne disdette altrettante per la partecipazione di qualcuno di loro in veste di turnista al festival di sanremo… ecco perchè è mancato il coordinamento, ma sono cose che succedono sicuramente in buona fede!!! o si fa come proposto intelligentemente da nonricordochi, prima l’uno poi l’altro, oppure sappiate scegliere, schieratevi! o bugo+primochef o casinoroyaleinmissionespecialeprontiadecollare

  9. tostoini Says:

    @onrepeat: chiaramente parlo di una spanna sopra quanto a posto nel mio cuore, non quanto a valore artistico musicale o che… poi dopo il reportage che mi é stato fatto della serata di ‘idraulici’ di ieri come si potrebbe non voler loro bene :p

    Ma tornando all’argomento del post, io non conosco la dinamica degli eventi però é una magistrale dimostrazione di con quanto pressapochismo spesso si facciano le cose a Cagliari (anche altrove, eh, ma mò di Cagliari si sta parlando)…considerata la scarsità di concerti degni di nota da queste parti credo converrebbe a tutti evitare situazioni simili, ma ‘fare rete’ sembra un concetto ancora lontano da venire in questa ridente provincia🙂 .

  10. onrepeat Says:

    @ Fulano: vediamo un po’: dato che io mi sono già schierato, spero che l’acustica renda giustizia ai casino… ad ogni modo avrei preferito non dovermi schierare. non per fare il centrista, eh! e comunque: io non so se queste cose succedono in buona fede (non so nemmeno se succedono in cattiva fede, se è per questo) però è importante criticare e discuterne (e ti assicuro che almeno le persone con cui ho parlato io parlano di “figura di merda”, quindi non è contento nessuno) perché magari gaffe del genere non succedano più
    @ Tostoini: ci sarebbe da fare tutta una bella dissertazione antropologica sulla gens cagliaritana e sulla difficoltà endemica di “fare rete”, ma insomma, ci porterebbe troppo lontano…😉

  11. Davide Says:

    ehm… perdonate lo spudorato utilizzo del blog a fini personali, ma la sistersuzie del commento #6 è la ragazza con cui ho scambiato quattro chiacchere proprio ieri allo zero? no perchè se ricapita da queste parti volevo dirle che quello che quest’estate suonava in location molto suggestive e “arcaiche” (stile tempio di antas…) era vinicio capossela. ieri non mi veniva proprio. ehm.

  12. Fulano Says:

    alla fine com’è andata per bugo? ai casinò circa 500 persone…

  13. onrepeat Says:

    @ Davide: nonnò, prego, fà come fossi a casa tua (e poi mi commuove il fatto che questo blog possa permettere alle persone di incontrarsi, ritrovarsi…😉
    @ Fulano: eh, vorrei sapere anche io: come è andata da Bugo? Su, dite, dai Casino è andata come è andata. Non c’era l’atteso pienone, rodaggio lungo, l’acustica era quella che era, la voce di Alioscia non si sentiva. Ma: il concerto è cresciuto man mano fino all’apice – credo – di Sempre più vicini, Milano doppio standard (anche se il basso era un suono continuo e indecifrabile) e poi i recuperi nel bis di Crx (sempre grandiosa) e Royale sound, il loro recente cavallo di battaglia. Per ammissione successiva, non il loro migliore concerto. Ma, i Casino sono i Casino. Peccato perché il loro suono ha bisogno “anche” delle sfumature, e non solo di ritmo e feeling (che c’erano tutti).

  14. nicola Says:

    ciao a tutti,
    sono Nicola, lo sventurato che ha portato bugo allo zero.
    la serata è andata benone, contro ogni aspettativa erano presenti al locale più di 300 persone;
    bel concerto davvero e nel complesso bella serata.
    Quanto al discorso di cui sopra, faccio intanto alcune precisazioni:
    tempo fa avvisai della data uno dei ragazzi del transilvania, ma erano evidentemente già fissate entrambe, e sinceramente perdere i soldi dei voli mi sembrava una fesseria; inoltre erano fissate anche le serate di nuoro e sassari.
    Nessuna guerra, come qualcuno ha sostenuto, semplicemente una coincidenza sicuramente evitabile.
    Faccio comunque un mea culpa, mi dispiace molto per le (tante) persone che avrebbero voluto vedere entrambi i concerti, ma purtroppo per stavolta è andata così: entrambi i locali hanno lavorato bene, lo zero decisamente si, il transilvania suppongo anche.
    Mi dispiace poi sentir parlare di pressapochismo persone che nemmeno conoscono la situazione o l’evolversi dei fatti.
    parlare di rete in ogni caso è molto difficile, ci sono persone che collaborano e persone che non lo fanno, persone che rispettano il lavoro degli altri e persone che non lo rispettano.
    Ragion per cui è difficile creare una rete, anzi mi sembra una soluzione abbastanza utopica.
    Ripeto, i ragazzi del transilvania io nemmeno li conosco, anzi mi spiace si siano ritrovati in questa assurda situazione (e il mio punto di vista l’ho spiegato a uno dei titolari, incontrato per caso in un bar alle 3.30, poco dopo la fine di entrambi i concerti), ma ahimè stavolta è capitato così.
    Tra l’altro è anche probabile che si organizzi qualcosa insieme con loro: io non ho problemi a lavorare con lo zero, col micro, o appunto col transilvania.
    Scusate per l’intromissione,

    Nicola

    ah, dimenticavo
    venerdì ultima serata della mini rassegna allo zero cafè con grimoon (fantastica band italofrancese), golfclvb e junes.

  15. onrepeat Says:

    Ciao Nicola, intanto grazie per l’intervento e la precisazione. E anche per la pacatezza dei toni (visto che in rete in genere la conflittualità e la litigiosità aumentano). Peraltro nessuna intromissione: non si tratta di una discussione esoterica tra persone che bisbigliano per non essere sentiti: io personalmente metto nome e cognome e sono facilmente “rintracciabile” (visto quello che faccio), gli altri hanno fornito un link.
    Si prende atto del fatto che le date erano fissate entrambe senza che gli altri sapessero della decisione reciproca. Qui si discuteva più che altro dell’assurdità della coincidenza e si lamentava il fatto che a Cagliari non ci possiamo permettere simili sovrapposizioni (è successo di recente anche in ambito jazz, in contemporanea Ribot e Fresu con Uri Cane). Proprio per il fatto che – per i problemi che conosciamo – concerti di peso ce ne sono pochi, e in genere i frequentatori assidui avrebbero assistito volentieri a entrambi i concerti.
    Nessuno ha tirato fuori una teoria. Solo ipotesi. Io stesso ho detto che, non conoscendo la cronologia degli eventi e avendo parlato con pochi “addetti ai lavori”, non ero in grado di dire chi aveva sbagliato.
    Alla prossima
    andrea

    p.s. io personalmente venerdì sarò al transilvania, per la finale di arezzo wave. come giurato e per raccontare poi la serata sul giornale. però confermo: i grimoon sono molto bravi e la here i stay è un’etichetta assai promettente.

  16. nicola Says:

    Figurati, grazie a te per lo spazio..
    era solo un modo per far conoscere a qualcun altro il reale andamento delle cose, visto che a conoscere la situazione da vicino erano un paio di “addetti ai lavori”, Giuseppe, e ovviamente Sistersuzie, che mi supporta e sopporta quotidianamente.
    Peccato non possa esserci venerdì, sarà per la prossima volta!
    A presto

    Nicola

  17. tostoini Says:

    visto che tra i vari commenti al post c’era anche il mio, mi prendo la libertà di ringraziare nicola per i chiarimenti..personalmente ora che ho un’idea più chiara di come sono andate le cose non ipotizzerei più che ci sia stato pressapochismo da parte di chicchessia, credo che sia lecito esprimente un’opinione tanto quanto modificarla alla luce dei fatti.
    Insomma purtroppo un’occasione mancata in una città che spesso non offre molto, ma per colpa di nessuno.🙂

  18. Pop-Eye Says:

    Tra le altre cose, e sempre a proposito di Bugo, domani mercoledì 14 Marzo dalle 18:00 sarà replicata – sempre su radiopress 88.75 e 93.50 la puntata che aveva per ospite proprio Bugo e i Primochef del Cosmo. Vieppiù interessante proprio perchè l’artista novarese ha improvvisato un live per chitarra e voce…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: