Il nuovo dei Bachi da Pietra – praticamente disco italiano dell’anno

Sorridi alla tua soluzione drastica

Finalmente ho ascoltato il nuovo disco dei Bachi da Pietra. Penso che sia uno dei dischi più clamorosi ascbachidapietra.jpgoltati in Italia da quando? Parecchi anni. Va perfino oltre le mie aspettative. Va anche oltre lo splendido Lemming dei Ronin – come sapete in entrambi c’è di mezzo Bruno Dorella, qui si occupa di metalli, pelli e legni vuoti, ad accompagnare Giovanni Succi alle voci, corde e legni pieni. È più intelleggibile del precedente Tornare alla terra eppure sempre ostico, mai scontato, sexy uguale ma dalla sensualità decisamente malata, è scabro e doloroso eppure lo ascolti dall’inizio alla fine senza avere mai la sensazione di volerlo stoppare. A differenza di Tornare alla terra appunto, splendido eppure a volte, forse, intollerabile.
Appena parte Casa di legno il pensiero è che una canzone del genere è decisamente oltre per gli standard non solo italiani. Poi con Giorno perso ho pensato anche ad altre cose. Fin da quando ho ascoltato la prima volta i Bachi da Pietra mi sono reso conto di come a volte ci siano dei suoni che ti risultano fin dall’inizio intimi. Intimi per te, perché parlano di te, perché ti parlano, perché evidentemente richiamano una tua musica interiore, non so come dirvelo. C’è chi direbbe: beh, sei malmesso se i
l suono dei Bachi risulta appartenerti in questo modo intimo.
Si vaticinerà che è musica autoreferenziale per amanti del famolo strano. Che bisogna averci la fissa per ascoltare cose così. Però appena è partita la prima canzone ho pensato senza tanti dubbi che Non io dei Bachi da Pietra è senza ombra di dubbio il meglio che si potrà ascoltare da ora fino a dicembre in questo 2007 italiano. Garantito.

7 Risposte to “Il nuovo dei Bachi da Pietra – praticamente disco italiano dell’anno”

  1. Davide Says:

    quanto entusiasmo!!! (paragonabile a quello che ho provato stamattina appena letto che il prossimo agosto Lou Reed porterà Berlin in versione orchestrale all’Anfiteatro.)
    devo dire che i Bachi da Pietra non li conosco proprio, avevo giusto sentito un pezzo del primo disco sul loro sito mi pare… beh, indubbiamente roba difficile che non mi ha proprio catturato. però chissà.
    ah stasera gli asian dub foundation al transilvania! ( = 12 euri. se non fanno fortress europe mi incazzo)

  2. onrepeat Says:

    mmm, credo che stasera non sarò della partita. quei 12 euri li metto da parte per lou reed all’anfiteatro! il prossimo concerto che mi vedrò è quello dei Le man avec les lunettes, indie pop grazioso di brescia pubblicato da label sarda. il 29 aprile non si sa ancora dove, forse con i june. tramite l’etichetta ho proposto peraltro un live un trasmissione, vediamo se sarà possibile…
    riguardo i bachi, beh, prova a dar loro un’altra chance. nel sito di wallace e anche nel loro puoi scaricare ofelia, il brano che chiude il disco. ma se proprio vuoi cominciare con il meglio, casa di legno, giorno perso e altri guasti sono dei capolavori. anzi, vado ad ascoltarli…
    p.s. non so se a te piace, ma in maggio c’è marianne faithfull a sassari e credo che la levataccia non me la evita nessuno…

  3. EU Says:

    SINCERAMENTE I BACHI DA PIETRA PROPRIO NON LI CAPISCO. DA QUA A DEFINIRLO DISCO DELL’ANNO PASSA TANTA AQUA SOTTO L’ARNO.
    TUTTO QUA SCUSA MA PASSAVO PER CASO SU QUESTO BLOG.
    EU

  4. onrepeat Says:

    figurati, è legittimo che non ti piacciano. io del resto ho espresso solo un’opinione, come tale opinabile. e per di più impulsiva, mossa dall’emozione per l’ascolto del disco. alla prossima!

  5. altro bacato! Says:

    non li capisci proprio? …non c’è mica niente da capire. E’ solo una questione di budella: “fisica elemntare”😉

  6. stonedWitch Says:

    anch’io passavo per caso su questo sito alla ricerca di notizie sui bachi da pietra: Concordo in pieno con quanto è stato detto sopra, per me è DISCO DELL’ANNO non mai sentito un disco italiano a questo livello

  7. onrepeat Says:

    beh, almeno siamo “bacati” in tre!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: