Bere il Calix dell’elettronica

mira_calix.jpg
Mira Calix è uno dei nomi fondamentali dell’elettronica di ricerca di questo decennio. Detto così suona un po’ iperbolico, ma basterebbe dare un ascolto al suo disco uscito quest’anno, Eyes Set Against the Sun su Warp records, per rendersi conto della validità del giudizio: c’è dentro una visione enigmatica e inquietante di cosa può essere l’elettronica oggi quando le si associano la voce, strumenti elettroacustici, field recordings e un tocco personale, unico, in grado di essere lacerante, dolente ma anche misteriosamente familiare. Poi conta anche il fatto che sia pubblicata da un’etichetta “leader nel settore” da quasi una ventina d’anni (Aphex Twin, Auterche, Boards of Canada…) e il sostegno sparso a piene mani dalle riviste punto di riferimento degli ambiti musicali di ricerca (ovvero The Wire). La notizia è che Mira Calix verrà a Cagliari e sarà il nome di punta di una rassegna di “musica d’avanguardia e linguaggi collaterali”, il Signal, giunto quest’anno alla seconda edizione per l’organizzazione dell’associazione Ticonzero. Il primo appuntamento è per domani, alla Casa Angioni a Quartucciu alle 21:30 con il concerto dei Syntax Error, un progetto inedito di commistione tra musica e video: musica di Mauro Cappelli, Alessandro Olla, Daniele Ledda e Roberto Pellegrini insieme alla proiezione di un videoclip basato sulle immagini di All’ombra delle torri, graphic novel sull’undici settembre disegnata da Art Spiegelmann, l’autore di Maus (ovviamente questo appuntamento c’è già stato! N.d.or.). Per ascoltare Mira Calix invece occorre aspettare il 14 dicembre, alla Vetreria di Pirri, con una performance per solo laptop e voce (filtrata elettronicamente). Il vero nome di questa artista di casa a Londra è Chantal Passamonte. È nata in Sudafrica e si è trasferita in Inghilterra per cercare di affermarsi come fotografa. Negli anni dell’apprendistato ha fatto la commessa per Gucci, fondato un negozio di dischi, l’Ambient Soho, ha fatto la dj in serate chill-out e poi è diventata l’addetto stampa della Warp Records. In un certo senso il suo ingresso nel mondo della musica fu casuale, quasi dalla porta di servizio. Il primo disco, One and One, è molto diverso da quello che fa oggi l’artista sudafricana, più legato a ritmiche di matrice Warp, a un sostrato di noise nebuloso, ad una percussività legata alle sue origini africane. Il disco piacque molto anche a John Peel, che registrò alcune sessions nel suo celebre programma alla BBC. Nel corso degli anni Mira Calix ha pubblicato un altro disco ufficiale, Skimskitta (2003) e una miriade di progetti minori, oltre a sonorizzazioni commissionate da teatri, musei (per quello di Storia naturale di Ginevra realizzò una traccia interamente composta da ronzii di insetti…), fino all’arrivo di Eyes Set Against the Sun che è il suo capolavoro personale, e non solo. Un disco che assume una forma più discorsiva, organica, comunicativa che in passato, molto attenta a strutture in qualche modo definite. All’interno di questa cornice, Mira Calix si muove tra suoni straniti e inquietanti oppure dotati di una dolcezza minuta e paradossale, al quale abbandonarsi senza riserve. A.t., uscito un po’ di tempo fa ne Il Sardegna

Signal. Secondo Alessandro Olla, direttore artistico del Signal, “questo festival è il trionfo della trasversalità dei linguaggi, attraverso l’associazione della musica d’avanguardia e di ricerca e le immagini, che quest’anno avranno un peso molto importante”. Il Signal parte domani e fino al 15 dicembre vedrà una serie di concerti e installazioni video con protagonisti Z’ev, David Cossin + Modular Ensemble, Dissonanzen, Gianluca Beccuzzi e Fabio Orsi, Peter Waters, Taxonomy + Citrullo + Studio brutus, Max Eastley, Sisu, Riccardo Benassi, signorafranca, Gabriel Shalom, Michele Spanghero.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: