Si avvicina la On Repeat Night – e intanto penso al dopo


Proprio mentre la On Repeat Night si avvicina, io mi interrogo intensamente sul dopo. Sul dopo On Repeat Night: il che significa di preciso che mi interrogo su cosa farne di On Repeat in seguito al festeggiamento del primo anniversario, ad un anno dalla sua nascita. Finora non ho fatto molti piani. La trasmissione nasceva principalmente per mettere musica indie internazionale, e così ho sempre fatto. Poi ho iniziato anche a raccontare e a sostenere una certa scena musicale sarda, quella maggiormente legata all’attitudine musicale (ma anche “etica”) che piace a me, e che era in linea con una certa idea di attualità musicale che ho in mente. Ho iniziato anche a dare spazio a live, ospiti in studio, fino a quando On Repeat fondamentalmente non ha assunto una fisionomia precisa, che può essere sintetizzata in: indie, indie sardo, live in studio di ospiti nazionali e – a volte – internazionali.
Ma da tempo ho in
trodotto il sottotitolo “contenitore di musica indie e culture pop”. In radio dico anche “libri e web”. Questa sarebbe l’intenzione. Ovvero: continuare esattamente come prima, con indie (e indie sardo) e live in studio di ospiti nazionali e – a volte – internazionali, ma integrando tutto questo con nuove rubriche, nuovi argomenti, nuove – addirittura – voci. Fermo restando che la musica continuerebbe ad essere selezionata perlopiù dal sottoscritto, mi sono reso conto che le puntate da solo non le vorrei fare più. Quelle di sola compilazione. Non avrebbero più molto senso, per me. Sarebbero solo una puntata tra una con ospiti e una con live. E rendono meglio le puntate dove ci sono più voci, dove si chiacchiera. Dove ci sono persone che danno il loro contributo anche in termini di risate (penso all’ultima puntata ad esempio, di cui ancora devo postare la scaletta). E allora. Mi interrogo sul da farsi. Se introdurre nuove rubriche, nuove competenze, nuove voci. Nuove persone che verrebbero a darmi una mano durante la trasmissione. Con nuove idee. On Repeat è una trasmissione ancora molto fresca, con un sacco di cose da dire e da fare, anche con questa formula. Però sento che in fondo potrebbe essere meglio. Non so.
Questi sono pensieri a v
oce alta. Poi magari non cambio niente, però intanto ci penso. Si accettano suggerimenti.

4 Risposte to “Si avvicina la On Repeat Night – e intanto penso al dopo”

  1. corrado zedda Says:

    Si Andrea, quella di evolvere e ampliare il programma è una scelta obbligata: non solo musica. Pensa al caleidoscopio di interessi extramusicali che possiede la maggior parte dei tuoi ascoltatori e degli ascoltatori “informati” in genere. Al periodo di Radio Sintony con Giorgio Loddo avevamo aperto a campi diversissimi ma integrati e complementari fra loro, dai libri al fumetto, dalla fotografia anche a temi civili (senza esagerare, non si può maneggiare tutto con uguale competenza!).
    Anche Giuseppe Pionca, già da Radio Italia Stereo (poi Radio Mistral) aveva aperto agli ospiti, ognuno portava le sue esperienze e depistava su territori impensati.
    Ci vediamo domani sera (sono guarito dall’influenza), non potrò rimanere a lungo, causa obblighi familiari, ma mi farà piacere.

  2. Marco Says:

    Capisco le tue meditazioni; d’altronde già in partenza diedi al mio programma il sottotitolo “rifugio di musica, arte e parole” pensando di non imporgli limiti precostituiti.
    E poi l’aver avuto qualche ospite anche sui generis (actores alidos), esser stato presente ad alcuni tuoi, mi ha dato prova che è un piacere avere altre presenze; se interessanti ovvio. D’altro canto so bene (anche per la mia esperienza dal lato ascoltatore) che non di rado, anzi, a chi ascolta radio piace sentirsi filata una bella selezione musicale senza troppe chiacchiere. E a volte chi ascolta non si diverte quanto chi presenta, e magari dopo un po’ di parole cambia.
    Direi che una cosa non debba escludere l’altra.

  3. onrepeat Says:

    la voglia di aggiornare la formula è forte. ma non si tratta di parlare e basta (è vero, spesso il divertimento in studio non è percepito dall’altra parte). io parlo di nuove rubriche e nuove idee che vadano ad arricchire la formula già consolidata. anche attraverso collaboratori, magari. che possono darmi una mano alla conduzione, anche solo ogni tanto. insomma, vediamo. poi io non discuto le puntate di compilazione, è solo che non vorrei farne più, a meno che non ci sia un’idea forte dietro (scaletta di oldies sardi, ad esempio). ma in questo momento è tutto molto vago.

  4. Giuseppe P. Says:

    buongiorno a tutti.
    parlo dal punto di vista dell’ascoltatore, e tutto ciò che solitamente faccio, è sempre più orientato a cosa piacerebbe all’untente finale. quando con valentino ideammo e conducemmo DUMP su radioitaliastereo>radiomistral o POPEYE su radiopress, cercammo di concretizzare questa filosofia. non so però se riuscimmo nell’intento.
    quindi musica, tanta musica, ma guarnita di commenti, didascalie, citazioni, riferimenti e soprattutto spunti. poi sarà cura dell’ascoltatore approfondire casomai volesse.
    ovviamente, e fisiologicamente, ci si disperde nel mare magnum della propria conoscenza e spesso l’ascoltatore corre il rischio di perdere il filo. sta nell’abilità del conduttore richiudere la parentesi aperte e ricondurre tutto ad un filo originale, casomai questo esistesse.
    per il resto, visto che siamo pochissimi, ben vengano tutte queste lodevoli iniziative che perlomeno riescono a riaccomunare persone di generazioni ed ere diverse, vedi corrado, giuseppe e lo stesso andrea…
    saluti da sassari, mi spiace non esserci stato – ieri – ma il lavoro chiama.
    a breve presenteremo il cd dei primochef a cagliari, occasioncina per una festicciola desvelos.
    cheers
    g-

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: