The Ruby Suns, Sea Lions

rubysuns.jpg
Non saprei spiegare con parole esatte la geometria dell’amore musicale. Il modo in cui un disco riesce ad avvincere fin dall’inizio. In alcuni casi già a partire dal modo in cui suona la cover, o anche solo dai primi dieci secondi del primo pezzo, quelli che potrebbero dare immediatamente il senso del disco. Credo che possa risolversi in un misto di familiarità e spaesamento – parlo degli amori fulminanti, di quelli inaspettati. Riconosci alcuni elementi che però sono calati un contesto che te li fa apparire nuovi, più affascinanti. Li fa suonare diversamente. Con i Ruby Suns più o meno è successo così. Dentro c’è una tale vertiginosa creatività e una imprevedibilità di direzioni che è praticamente impossibile aspettarsele tutte. Eppure ci si muove in territori familiari, amichevoli. Che si riconoscono al volo. Provate per comodità a immaginare le intuizioni della Elephant Six e degli Olivia Tremor Control in particolare (pop e psichedelia a spasso nel tempo calate in un contesto di stravaganze assortite e perfino deragliamenti rumoristi), ma con un suono che risulta più meticcio ed esotico. Ovvero: nell’anno in cui sembra che per suonare attuali si debbano avere nel proprio suono influenze world music (presenti i Vampire Weekend?), il disco dei Ruby Suns viene presentato – da Sub Pop che l’ha pubblicato – come un album di world music calato in un contesto pop carico di riverberi e di psichedelia. Al di là di trend e pseudotrend è esattamente così. C’è l’Africa in Ole Rinka e Kenya Dig It?, la musica Maori in Tane Mahuta, c’è ovviamente la Nuova Zelanda e c’è la California ed è un disco che prende mille direzioni a cui non riesci a stare quasi appresso, eppure suona tutto così straordinariamente compatto che per poco non si grida al miracolo. L’album di questo trio neozelandese (Ryan McPhun, Amee Robinson, Imogen Taylor) è complesso, ultrastratificato ma ricco di melodie meravigliose che non hanno nulla da invidiare ai nomi chiamati in causa per raccontare la band: Mercury Rev, Panda Bear, Animal Collective. E a volte propone accostamenti bizzarri. La psichedelia rarefatta di Morning Sun sfocia nella seconda metà del brano in un pezzo quasi technopop anni ottanta – e la cosa, sia detto per inciso, suona clamorosamente bene. Per quanto mi riguarda è lo strike out pop di questo inizio 2008. Insomma, come ve lo devo dire che Sea Lion è un album proprio bello?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: