On Repeat torna il 20 settembre…

Non è che sia durata poi molto, questa pausa. Facendo due conti, On Repeat riprende dopo nemmeno un mese e mezzo di assenza. È che la radio dopo un po’ ti viene a mancare. Il microfono e le cuffie e lo studio di via Barone Rossi e mettere musica e parlare di musica e avere ospiti e mettere su tutte quelle cose che riguardano On Repeat. Un mese e mezzo di assenza alla fine basta, poi bisogna tornare per forza.

Ci sono state nel frattempo delle cose che hanno dato alcune idee per la stagione che viene. Ad esempio sono reduce da una tre giorni di boheme seneghese, per un festival di poesia molto carino che si chiama il settembre dei poeti. Ero lì perché dovevo fare le letture della buonanotte, con cose scritte e lette da me e musicate da due musici, Mauro Vacca ovvero Vanvera e Luigi “Zock”eddu dei June. Si parlava di Scott Walker e di Nick Cave ed è stato bello perché c’era tanta gente e ci siamo divertiti parecchio: a costruire la cosa, a provarla e a farla lì con qualche sorpresa dell’ultimo momento (il duetto di Mauro con Francesca dei Comaneci in Henry Lee). Le prove di fronte alla chiesa, le zingarate fino alle cinque e mezzo del mattino, la carne di bue rosso (poca) e gli amici di Seneghe, le invettive in sassarese e gli Sposalitius (qualcuno sa perché, cit.). Tre giorni di boheme, dicevo, gli ultimi scampoli di una estate che non è mai davvero iniziata e che non vedo l’ora che si chiuda definitivamente. E questo genere di spettacoli, una cosa (per me) nuova che si potrebbe approcciare di nuovo in futuro. Anche in radio.

Nel frattempo ho anche pensato a cosa farne di questa trasmissione che va ormai verso il secondo anno di vita.

Da poco ho tolto un post dove c’era un bilancio noioso su questo ultimo anno e l’inevitabile retorica dei ringraziamenti. I ringraziamenti sono doverosi ma le persone che voglio davvero ringraziare sanno già che sono loro grato, e non c’era bisogno di un elenco o di un post apposito per renderglielo noto o per renderlo noto agli altri. Per il bilancio, anche in questo caso si rischia un elenco banale di cose. C’è stata una crescita, e questo ok, ed è stata anche una crescita notevole, più che altro perché ho iniziato a capire come funziona il giocattolo radio. Ci sono stati molti cambiamenti, alcuni giusti e altri sbagliati ma avevo bisogno di provare a cambiare perché ad un certo punto si corre il rischio che le cose vengano a noia. A volte c’è bisogno di stimoli nuovi e di rinnovare il senso di quello che si fa, perché altrimenti tutto si inaridisce e poi muore. La nuova stagione inizierà con alcune cose che c’erano già e con alcune cose che non c’erano. Con rinnovato entusiasmo. E On Repeat continuerò a farlo da solo, come sempre.

Allora cosa ne sarà della terza stagione di On Repeat? Più magazine, più contenitore, più libri, più cose nuove. Non solo musica e non solo musica “indie”. Ma il senso dei cambiamenti sarà palese solo puntata dopo puntata. Ci saranno contributi nuovi e nuove persone da ringraziare. Anche questo sarà reso noto più avanti. Il blog si arricchirà di cose nuove già dalla settimana dopo la prima puntata (con la speranza che prima o poi si possa rinnovare il blog anche nella grafica). E poi ci saranno le On Repeat Night, di cui parleremo a tempo debito.

E intanto nella prima puntata di sabato 20 settembre…

Ps Presto metteremo online anche “Il nastrone di On Repeat”, una compilation in download libero con una selezione di pezzi suonati live in studio…

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: