Uzi e costumi #1

(Breve presentazione. Oggi nasce una nuova rubrica – dalla periodicità ancora da decidere – che va ad arricchire il parco tematico del blog e indica una delle strade che seguiremo in futuro. Ovvero quella di dare spazio anche ad altre persone, in modo da rendere il blog di On Repeat sempre più ricco, aggiornato e variegato. Questa è una rubrica di costume, moda e personaggi, scritta da Velvetuzi. Sottotitolo: Onrepeat Goes Voguerepeat.)

agyness-deyn_1Da che mondo è mondo i media impazziscono per i fenomeni di noi (ehm) gggiovani (EHM).
Niente di nuovo sul fronte occidentale cari miei, non fosse che la nuova tendenza tendente a tendere del momento è essere hipster. Tutta questa deriva hipsteriana che ci travolge è supportata da una serie di topos letterari dei fenomeni di massa (e quando una cosa nasce come indie e diventa “di massa” porta a spiacevoli effetti collaterali, vero Cart Cobein?) primo fra tutti l’icona di riferimento che, nella sua declinazione femminile è questa Agyness Deyn (ultimo fidanzato avvistato: Hammond Jr degli Strokes chè l’accoppiata modellina hype/rocker mi va sempre via come il pane).
Qui mi fermo e mi domando se non sarebbe forse il caso di far intervenire il MOIGE, per tutelarci anzichenò…
La ragazzina in questione infatti è una modella bionda, bella, alta 1,80, peso lordo 50, peso netto 45, peso tara 5. Ora, il peso tara della ragazza è dato da 5 Kg di vestiti francamente improponibili che vengono lodati da ogni didascalia che si aggiri attorno ad una sua foto. Ora, parliamone a quattrocchi, io e te che leggi, sinceramente. Tutto ciò è pericoloso per noi giovani imitatori. Questa ragazza dovrebbe girare con dei cartelli che ammoniscano “Don’t do this at home”. E’ tutto un trionfo di leggings colorati (Iddio mi aiuti, io ne ho un paio neri chè il nero sfina in teoria, in pratica invece il commento di mio padre ha colto il problema: “Hey, sono tornate di moda le calzemutande?”, qualunque cosa volesse dire aveva ragione da vendere), maglie in tricot dalle cromìe esuberanti (epilettici! prima di andare ad un evento hipster armatevi di carbamazepina!!!), scarpini stringati o ballerine o sneakers anni 80 (ragazze! figlie! compagne! sorelle! Il jeans slim con la scarpa flat lasciatelo alle modelle ucraine 14enni che non mangiano da almeno 6 mesi!) e cappellini di foggia strana che rendono la magnifica inglesina simpaticamente bizzarra ma, se indossati da una di noi, fanno subito Sbirulino. Ecco, a lui dovrei pensare ogni volta che mi viene la malsana idea che qualche outfit hipster potrebbe essere riproponibile: Sbirulino. La vera icona hipster.
Per i fanciulli non è che vada meglio. Vanno questi jeans streeeettiii, skinnyminnie, slim, taglia 40 (l’ho avuta a 10 anni la 40, ma solo per 10 minuti) con le sneakerine fighe (l’effetto ottico è un piede lunghissimo che esce da sotto un palo della luce in denim) e la maglietta con la stampa giusta indossata così, con nonchalance (ma costata notti insonni di inseguimento threadlessiano). Chiaramente per Lui detta legge il migliore amichetto di Agyness, il designer inglese Henry Holland, per le quali magliette la sottoscritta ha un debole. Quelle con la scritta ragazzi, quelle coi colori vomitati no.
Gli accessori? Mah, montature da vista wayfarer (anche quelle mi aggradano assai), calzettoni a righe, fascette per capelli e qualunque altra cosa vi potrebbe far imbarazzare fino alla morte nel riguardare una vostra foto fra 5 anni.
Il mood poi è importante: l’hipster è ironico, (AHAH), ride di sé stesso, (AHAH), salvo poi offendersi a morte se viene inserito nel movimento hipster (col quale lui, sostiene, non ha nulla a che fare) e non sa bene se guardar peggio quelli vestiti come lui o quelli vestiti diversamente da lui.
Francamente io sono più colpevole di altri perché NONSONOHIPSTER ma rido di me stessa, (AHAH), e non so se guardar peggio quelle vestite come me o quelle vestite diversamente da me (anzi lo so, quelle vestite come me sono le peggio).
E poi forse non è stata una bella idea scrivere un post acido sul mondo hipster quando il capo sfoggia tutto il full catalog delle t-shirts di Threadless, non si muove senza i suoi wayfarer e, ma di questo non sono sicura, potrebbe meditare, secondo il mio sesto senso hipster, un bel paio di baffi. Autoironici, of course.
(Ed ecco come la mia saccente rubrica di costume chiuse al primo post.)

Tag: , , , ,

6 Risposte to “Uzi e costumi #1”

  1. tostoini Says:

    Il capo ha anche un eccentrico capello. Viva viva la nuova rubrica di On Repeat, vivaviva Velvet Uzi

  2. Nico Massa Says:

    Cara Giovane Velvet Uzi.
    Come dice il tuo Nick Name (che per l’ennesima volta non è quel bar che c’è tra via baccaredda e piazza garibaldi a cagliari) hai usato il solito mitra di velluto.
    Questo tuo pezzo disegna esattamente quel tipo di modo di essere.
    Clap Clap per la perfetta descrizione.
    Io concordo con te sul fatto che Sbirulino un po riprenda questo stile…ma la cosa più sorprendente è che tu sia riuscita al volo ad associarlo!!
    Chiedo anche io l’aiuto del moige e di Mario Bianchi dalla regia.
    Pace e Bene.
    Grande VelvetUzi….D’ACCORRRDOOO???

  3. davide Says:

    mi piacciono queste nuove rubriche, il blog sta diventando sempre più 2.0, nevvero? titolo brillante poi!
    riguardo alla deyn, sono stato spesso beffato per aver sempre apprezzato “quella ossigenata con le sopracciglia nere” quindi non mi esprimerò, anche perchè sulle ultime derive non saprei nemmeno cosa dire se non una caterva di ?????? e !!!!!!!. ecco. forse è meglio tornare alle origini: http://snipurl.com/5jojn

  4. amlo Says:

    ah, voi giovini…

  5. Maxx Says:

    Mi sento come dopo aver mangiato un gelato fragola/melone/scaglie di vetro.
    Fustiga, fustiga, che i costumi ne hanno bisogno!

  6. pier duborcey Says:

    sempre acida e perspicace la nostra Velvetuzi!! ma oltre a Sbirulino la nuova “Hype” mi ricorda i vestiti volontariamente orrendi e kitsch della versione balxpotation del “Mago di Oz” semplicemente chiamato “the Wiz” con Diana Ross nel ruolo di Dorothy,Michele Jackson nel ruolo dello spaventapasseri e proprio quest’ultimo sarebbe di una trendyness tremenda oggigiorno! dateci un’occhiata (su youtube:http://fr.youtube.com/watch?v=MFxigJayXpg).
    buon divertimento!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: